Siti flash? No grazie a Google non piacciono!

/siti-flash-no-grazie-a-google-non-piacciono/siti-flash-no-grazie-a-google-non-piacciono.jpg

In principio fu una specie di sensazione, tutta questa grafica, queste animazioni, questa confusione d’insieme non mi convinceva, credevo che attirasse molto gli occhi di chi li realizzava, quelli che creano i siti pensando a ciò che piace a loro e non a ciò che piace ad un potenziale visitatore e soprattutto cliente, solo in seguito arrivarono le conferme.
La maggior parte dei motori di ricerca ignora i siti in Flash e quindi difficilmente li indicizza e li inserisce in buone posizioni all’interno delle proprie serp di ricerca, questo perché hanno difficoltà nel vedere il testo contenuto nelle animazioni, solo nel 2008 Google ha cominciato i test per un algoritmo che fosse in grado di leggere i testi all’interno dei filmati Flash ma comunque ha mantenuto nelle proprie pagine “consigli di Google per i webmaster” l’indicazione di evitarne l’utilizzo e soprattutto specifici consigli tipo questo:

Se funzioni creative … Flash ti impediscono di visualizzare l'intero sito in un browser di testo, anche gli spider dei motori di ricerca potrebbero riscontrare problemi durante la scansione del tuo sito.

Pertanto la scelta del sito Flash porta nel 99% dei casi a bellissimi siti invisibili agli occhi dei motori di ricerca e quindi introvabili per gli utenti che non ne conoscono l’indirizzo ma cercano semplicemente per argomento.

Dopo i problemi tecnici legati alle indicizzazioni, non di poco conto, vi sono i problemi legati all’usabilità ed al gradimento del cliente/utente.
Le pagine realizzate in Flash ad una prima impressione risultano graficamente accattivanti e molto ben studiate ma appena si comincia a cercare informazioni ci si rende conto che tutta la grafica crea una sorta di confusione, di distrazione che rende difficile orientarsi e come ben si sa un utente impiega 4 secondi per decidere se restare su un sito o abbandonarlo perché non è di interesse e quindi se non trova la strada per quello che cerca in pochi secondi è un utente perso.
Sempre legato al tema dei secondi impiegati da un utente per decidere se continuare la navigazione su un sito o lasciarlo c’è la dilagante pratica dei disegnatori di siti in Flash di creare la home page con una semplice animazione introduttiva che porta il collegamento al “sito vero” (le famosissime pagine con il tasto skip intro), in questo caso l’utente, che in media visita 2 pagine di un sito per valutarlo prima di abbandonarlo, utilizza il 50% del tempo che mette a disposizione del sito per non ottenere nulla!
Oltre al problema di usabilità vi è quello di visibilità, infatti, i siti in Flash non sono compatibili con i moderni iPhone, iPad e tablet in generale, questo comporta di non essere visibili ad una grossa fascia di mercato e ad un bacino di utenza che cresce giorno dopo giorno, inoltre anche per i normali pc alle volte è necessario l’istallazione di un plug-in per vedere correttamente la pagina ed utenti alle prime armi potrebbero desistere dalla navigazione sul sito per paura.
In ultimo e non meno importante c’è il problema delle modifiche, essendo le modifiche prettamente grafiche spesso si deve mettere mano in maniera molto invasiva per cambiare un semplice numero di telefono o la dimensione di una foto rendendo impossibile le modifiche da parte dell’utente (che comunque sono sconsigliate)

In conclusione, la maggior parte delle persone che hanno realizzato in passato siti in Flash si trovano oggi a non essere ancora indicizzati e ad aver investito molto denaro in uno strumento che non ha prodotto risultati costringendole a rivolgersi nuovamente ad un tecnico che migliori il sito e che nella maggior parte dei casi si approfitterà di loro modificando il sito attuale che continuerà ad avere grosse limitazioni.

Solo alcuni onesti spiegheranno al cliente che la modifica di un sito Flash è una soluzione perdente e che sarebbe meglio rifare completamente il sito passando ad una grafica più sobria ma sicuramente più funzionale correndo il rischio di perdere il cliente che vuole l’inutile grafica spumeggiante che conosce e che quindi, soprattutto se non ha letto questo articolo, risponderà loro che andrà da un altro professionista più capace!

Se hai trovato interessate questo articolo segui questo sito ed avrai ulteriori approfondimenti sull'argomento in futuro, se il tuo interesse invece è finalizzato alla realizzazione di un sito o al miglioramento di quello che attualmente hai poi contattarmi per una consulenza via emal: webmaster@russoalessandro.net o tramite la pagina dei contatti


Alessandro Russo e-mail:webmaster@russoalessandro.net