HardDisk illeggibile – Come riparare la tabella delle partizioni

recupero-tabella-partizioni-dati.jpg

Quante volte vi è capitato di collegare un Hard Disk esterno al vostro pc e scoprire che è illeggibile dal messaggio: "impossibile leggere in disco nell'unità F:/ verificare che il disco utilizzi un formato riconosciuto da windows. se il disco non è formattato è necessario formattarlo prima dell'utilizzo"

Con buona probabilità, se il disco è un Hard Disk esterno, o un Hard Disk interno trasformato in esterno tramite un box USB, il problema nasce dalla tabella delle partizioni danneggiata.
Il modo in cui si è danneggiata è poco rilevante, i motivi possono essere molteplici tra cui:

  • Spegnimento improvviso del pc
  • Scollegamento Hard Disk in modo anomalo
  • Blocco del pc

E via dicendo…
In sostanza il computer non riesce più ad identificare le partizioni contenute all’interno dell’Hard Disk confondendole e non riuscendo a capire dove comincia una e finisce l’altra.

Prima di affrontare qualsiasi operazione di recupero che esegua una scrittura sul disco è consigliabile cercare di recuperare i dati dell’HDD attraverso programmi specifici, le versioni free di questi programmi non recuperano mai tutti i dati ma è un primo passo di sicurezza per evitare che le scritture su disco per ripristinare le partizioni vengano fatte inavvertitamente sui propri file perdendoli definitivamente.

Se possibile eseguire programmi che clonino l’intero Hard Disk danneggiato su un altro disco per scongiurare perdite massive di dati.

Una volta eseguita una copia di sicurezza del disco procedere con le possibili soluzioni.

Ci sono diverse soluzioni ma non sempre funzionano, dipende dalla gravità del danno, la prima è la più semplice ma da esperienza personale è la più efficace nella stragrande maggioranza dei casi, è sufficiente scollegare l’Hard Disk dal box esterno e collegarlo direttamente alla scheda madre di un pc fisso, spesso all’accensione del pc la scheda madre riconoscerà l’HDD e ripristinerà la tabella delle partizioni consentendone l’accesso.

Dopo questa procedura potete riporre nuovamente l’HDD nel box esterno ed utilizzarlo, consiglio vivamente a questo punto di spostare tutti i dati su un nuovo Hard Disk e formattare quello appena ripristinato.

La seconda soluzione a basso impatto tecnico è l’utilizzo di un cd live di Linux, spesso il sistema operativo Linux è in grado di leggere un HDD con tabella delle partizioni danneggiata, questo non sistemerà il vostro Hard Disk ma vi servirà per il recupero dei dati in esso contenuti, dopodichè potete procedere alla formattazione per rispristinare le funzionalità.

Linux è dotato anche di moltissimi tool per il recupero delle partizioni, per esperienza raramente questi programmi free (come quelli per Windows) sono in grado di recuperare le partizioni ma esistono e vale la pena provare!

In ultimo mi sento di consigliare l’utilizzo di un software che dovrebbe riuscire a riparare la partizione danneggiata senza perdere i dati, come vi ho consigliato in principio nell’articolo è sempre meglio clonare l’HDD prima di procedere con l’ausilio di un programma che andrà a scrivere sul disco danneggiato.

Il programma in questione è Test Disk e si utilizza quando il disco è visibile dal BIOS ma inutilizzabile dal sistema operativo.

Per utilizzare Test Disk è necessario seguire questi semplici passi:

  1. Lanciare il programma e selezionare  se creare un log o no delle operazioni eseguite dal programma
  2. Nella finestra appena comparsa dovreste vedere l’elenco degli Hard Disk montati sul vostro pc, selezionare l’HDD da riparare e premere INVIO
  3. Scegliere Intel e premere INVIO
  4. Scegliere Analise e premere INVIO per recuperare la tabella delle partizioni danneggiata
  5. Scegliere Quick search e premere INVIO
  6. Se le partizioni da recuperare dal disco erano state create tramite Vista premere Y altrimenti premere N
  7. A questo punto dovrebbero uscire le partizioni trovate altrimenti premere INVIO e scegliere Deeper search
  8. Trovata la partizione danneggiata selezionare Write, se il disco è il disco di Boot verificare che vi sia un * dinanzi alla partizione principale altrimenti inserirlo a mano
  9. Uscire e riavviare il pc

Se conoscete ulteriori programmi o sistemi per il recupero di un Hard Disk danneggiato scrivetemi così pubblicherò il vostro consiglio, contattatemi anche se avete utilizzato uno dei miei sistemi e siete riusciti a risolvere il problema così che possiate condividere la vostra esperienza con altri lettori.


Alessandro Russo e-mail:webmaster@russoalessandro.net