Come fare Backup dati in automatico

data_backup.jpg

Buongiorno a tutti, oggi parleremo di come fare un backup dei dati del nostro computer in maniera più o meno automatica.

Dopo aver liberato spazio sul mio disco rigido mi sono accorto che la maggior parte dei dati che avevo erano foto e video e mi sono posto il problema di effettuare delle copie di sicurezza di questi ricordi.

Vista la mole di dati ed il fatto che reputo poco sicuri i sistemi di Cloud, ho deciso di escluderli dalle mie possibilità, pertanto ho optato per l’utilizzo di un Hard Disk Esterno su cui salvare una copia di tutto.

Salvare una copia dei miei dati è piuttosto semplice, si potrebbe effettuare tramite il Copia e Incolla messo a disposizione da qualsiasi sistema operativo ma ho deciso di affidarmi ad un programma di Backup in modo tale da non dover impazzire nell’aggiornare questi dati ogni volta che modifico una foto o ne aggiungo di nuove.

La mia scelta è caduta su FreeFileSync, un programma eseguibile sul mio Windows 10 scaricabile dal sito www.freefilesync.org

Una volta scaricato ed installato il programma lo si può avviare e ciò che appare è questa schermata:

Free File Sync Backup

Cominciamo con il funzionamento di base, il Percorso Relativo di sinistra rappresenta la cartella di origine mentre quello di destra la destinazione (o copia di Backup).

Vi sono 4 tipologie di Sincronizzazione che è possibile selezionare tramite l’icona Ingranaggio Verde:

Due Vie:  Identifica e propaga cambiamenti su entrambi i lati.

Specchio: Creare un backup specchio della cartella di sinistra aggiornando la cartella destra.

Aggiorna: Copiare i file nuovi e aggiornati nella cartella destra.

Personalizza: Configura le tue regole di sincronizzazione.

Io personalmente ho deciso di utilizzare Specchio volendo avere una copia dei dati presenti sul disco fisso anche sul Hard Disk Esterno, dopodichè ho scelto il metodo di comparazione, ossia il metodo con cui il programma analizza le due cartelle e decide quali file sono nuovi o aggiornati, anche qui i metodi sono differenti:

Ora e dimensione: Identificare i file uguali confrontando data di modifica e dimensione.

Contenuto del file:  Identificare i file uguali confrontando il contenuto del file.

Dimensione del file: Identificare i file uguali confrontando le dimensioni del file.

Ho scelto il primo metodo perché è il più veloce e non mi aspetto di avere file dal contenuto diverso modificati nello stesso momento.

Dopo aver scelto il metodo di sincronizzazione e quello di confronto ho selezionato la cartella di origine tramite il tasto Sfoglia sulla sinistra, e la cartella di Backup tramite il tasto Sfoglia sulla destra, ora tutto è pronto e potete premere sul tasto Compara per avviare l’analisi.

Al termine dell’analisi verrà mostrato il risultato con il numero di file da Aggiornare, da Creare e da Cancellare, premendo sul tasto Sincronizza si darà il via alla copia effettiva dei dati.

Il procedimento descritto creerà una copia di Backup della cartella selezionata e delle sue sottocartelle,  ma se si volesse sincronizzare più cartelle poste il posizioni differenti sarebbe sufficiente premere sull’icona Più accanto all’indirizzo della cartella di origine per aggiungere un’ulteriore riga da cui selezionare una seconda origine e seconda destinazione questo per tutte le cartelle da salvare.

Ora che si ha tutta la procedura per effettuare un Backup possiamo salvarla in modo tale da non doverla reimpostare ogni volta che si vuole effettuare un aggiornamento.

Premendo sul menu File alla voce Salva come processo Batch, questo creerà un’icona sulla quale premendo partirà in automatico la procedura di sincronizzazione appena creata.

Bene, avete messe in sicurezza i vostri dati, alla prossima


Alessandro Russo e-mail:webmaster@russoalessandro.net